La pedofilia nella confessione cattolica

Ormai la questione della pedofilia nell’ambito del clero cattolico ha raggiunto livelli tali per cui un genitore, prima di affidare il figlio a un prete (anche solo per apprendere il catechismo), deve pensarci molto bene.

Che non sia il caso di eliminare l’obbligo del celibato? In fondo per mille anni i preti cattolici sono stati spostati. Anzi a livello giuridico l’obbligo del celibato è stato deciso solo nel Concilio di Trento (1545-63) in opposizione alle tesi protestanti.

Diciamo però che già verso il Mille, con la riforma gregoriana, le gerarchie cattoliche avevano rinunciato alla pratica degli ortodossi, secondo cui non è possibile diventare preti se non si è sposati (solo una volta e con una donna non divorziata), a meno che uno non rinunci al matrimonio, ma in tal caso deve sapere che se diventa prete non potrà più sposarsi, anche se potrà accedere ai ruoli alti del sacerdozio (vescovo, metropolita…). In genere gli ortodossi per questi ruoli si servono dei monaci, a meno che uno non si separi dalla moglie. Naturalmente non s’impediva a un prete rimasto vedovo di risposarsi, ma doveva accettare la riduzione allo stato laicale.

Nella chiesa protestante i preti possono sposarsi e, visto che il matrimonio non è considerato un sacramento, possono anche divorziare.

Per gli ebrei addirittura (ma anche per gli islamici) celibato e nubilato sono, a livello generale, fortemente sconsigliati per qualsiasi essere umano. “Non è un uomo colui che non abbia moglie”, diceva il rabbino Elazar nel II sec. d.C.

***

Resta abbastanza curioso che nell’ultimo report sulla pedofilia negli ambienti cattolici francesi, per il periodo tra il 1950 e il 2020, a livello generale le vittime di abusi sessuali sono per il 75% femmine e per il 25% maschi, mentre per quanto riguarda gli abusi perpetrati dal clero l’80% delle vittime sono maschi, il 20% femmine. Il maschilismo impera anche in questo campo.

Inoltre più di 1/3 delle aggressioni sessuali nella Chiesa cattolica sono state commesse non da chierici o religiosi, ma da laici.

Probabilmente in questa confessione religiosa, arrivati a questo punto, non basterebbe neppure eliminare il celibato obbligatorio del clero. Qui ci vuole una profonda rieducazione etica in senso lato.

Di EG

Webmaster di diariofacebook.it, socialismo.info, quartaricerca.it, homolaicus.com

1 commento

  1. A mio parere eliminare il celibato ridurrebbe il numero di violenze, senza tuttavia risolvere completamente: ci sono pedofili anche fra le persone sposate o conviventi.
    Inoltre, la chiesa avrebbe il problema di perdere il controllo economico/finanziario dei beni dei preti che vengono ereditati dai famigliari… credo che questo li preoccupi molto più degli scandali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *