Davvero i fascisti in Italia non esistono più?

Dicono che i fascisti non esistono più in Italia, che sono solo nelle fantasie degli antifascisti. Non siamo più al tempo dei NAR della strage di Bologna.

Ma come, non esiste più il Movimento Fascismo e Libertà fondato dal senatore Giorgio Pisanò nel 1991, dopo la scissione dal Movimento Sociale Italiano – Destra Nazionale? No, perché dopo la morte di Pisanò, nel 1997, il Movimento nel 2001 subì una scissione, con alcuni dirigenti che hanno fondato il Nuovo Ordine Nazionale. Attenzione a quando compaiono parole come “Nuovo Ordine”!

Nel 2009 il Movimento Fascismo e Libertà ha cambiato denominazione in Movimento Fascismo e Libertà – Partito Socialista Nazionale (MFL-PSN). Ancora si mescola fascismo con socialismo!

Ma sono ancora vivi il Movimento Politico, Base Autonoma, Azione Skinhead (Veneto Fronte Skinheads fu fondato negli anni 1985-86), L’Uomo Libero e Meridiano Zero, posti fuori legge nel 1993 dal decreto Mancino? È dubbio che siano morti. In Italia non si muore mai. Siamo il Paese con più vecchi al mondo.

E che dire di Alleanza Nazionale e del Movimento Sociale – Fiamma Tricolore, fondato nel 1995 da Pino Rauti con la svolta di Fiuggi e lo scioglimento dell’MSI-DN? Li escludiamo? Si sono democratizzati? A sentir parlare la figlia di Rauti pare proprio di no. Rauti fondò anche il Movimento Idea Sociale nel 2004, dopo la scissione dal Movimento Sociale – Fiamma Tricolore. Son come le teste dell’Idra.

Forse pochi sanno che esiste una versione italiana del Front National francese della Le Pen, amica di Salvini: il Fronte Nazionale, fondato nel 1997 da Adriano Tilgher e Tomaso Staiti di Cuddia dopo la loro espulsione dal Movimento Sociale – Fiamma Tricolore.

E che dire di Forza Nuova, fondato nel 1997 da Roberto Fiore e Massimo Morsello? Non la si vorrà mica considerare neofascista solo perché ha distrutto a Roma la sede della CGIL? Non hanno mica occupato il Parlamento!

E il Nuovo MSI, fondato nel 2000 da Gaetano Saya, ex-militare messinese successivamente accusato di voler creare una “Nuova Gladio” e una polizia parallela? Chissà se rimpiange Cossiga?

E i Fasci Italiani del Lavoro, fondati agli inizi degli anni 2000 nel Comune di Sermide dall’ultrà milanista ed ex missino Claudio Negrini, la cui figlia fu eletta nel 2017 consigliera comunale di Sermide e Felonica? Fu un caso nazionale, perché il suo partito ottenne il 10% dei voti! Lei fu destituita perché c’era il sospetto di ricostituzione del partito fascista, anche se poi al processo penale al gruppo furono assolti tutti. Come al solito. Da noi i processi, quando ci sono di mezzo i fascisti, non arrivano mai a nulla.

E il Blocco Studentesco, organizzazione studentesca di CasaPound nata ufficialmente nel 2003? Loro stessi dicono di ispirarsi al fascismo.

E Rifondazione Fascista, fondata nel 2006 a Cisterna di Latina da Quinto Mariani, ex-missino: persino dalla denominazione si capisce di che razza è.

E CasaPound Italia, nata nel 2003? E Alternativa Tricolore, nata nel 2011? E la Comunità dei Dodici Raggi (Do.Ra), di chiara ispirazione nazifascista, fondata a Caidate, frazione di Sumirago nel 2012? Sono fascisti solo quelli che si dichiarano anche nazisti?

E la Destra Sociale, fondata da Luca Romagnoli dopo l’estromissione nel 2014 dalla carica di segretario del Movimento Sociale Fiamma Tricolore?

E il Manipolo d’Avanguardia Bergamo (M.A.B.), non è forse un movimento d’ispirazione nazifascista? Già la parola “manipolo” dovrebbe farlo pensare…

E il Nuovo Ordine Nazionale (NON), fondato a Foggia da Giuseppe Martorana, ex-segretario di Fascismo e Libertà, attivo soprattutto nel sud Italia?

Ma quelli che fanno più paura sono i fascioleghisti di Salvini e i Fratelli d’Italia della Meloni, di La Russa e Crosetto. Questi se vanno al governo, avranno l’appoggio incondizionato di tutti gli altri, inclusi Forza Italia e i cattolici di destra (come p.es. Comunione e Liberazione), che non sono certo pochi.

Di EG

Webmaster di diariofacebook.it, socialismo.info, quartaricerca.it, homolaicus.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *