image_pdfimage_print

Macron chiede scusa agli Harki

Macron ha annunciato un progetto di legge di “riconoscimento e riparazione” per gli Harki, i 200.000 algerini che tra il 1954 e il 1962 combatterono a fianco dell’esercito francese durante il conflitto contro il locale Fronte di Liberazione Nazionale. Motivo di questo tardivo riconoscimento dell’aiuto dei collaborazionisti? Una volta terminato il conflitto, alla maggior parte… Continua a leggere Macron chiede scusa agli Harki

Sconfitto il governo del partito islamico in Marocco

Alle elezioni parlamentari di settembre in Marocco hanno partecipato 32 partiti col 50,3% di affluenza. Risultato eclatante? Dopo un decennio alla guida del governo il Partito islamico della Giustizia e dello Sviluppo ha subìto una netta sconfitta. Nel 2016 trionfò conquistando 125 seggi, oggi invece ne ha presi solo 12 su 395. I cittadini l’hanno… Continua a leggere Sconfitto il governo del partito islamico in Marocco

Colpo di stato in Guinea

In Guinea i militari hanno preso nei giorni scorsi il potere e sciolto l’Assemblea nazionale. Un vero e proprio colpo di stato, con cui han sostituito il premier e altre personalità di spicco. Ma cosa aveva fatto di così grave il presidente Alpha Condé? Niente di particolare. Aveva semplicemente modificato la Costituzione per avere un… Continua a leggere Colpo di stato in Guinea

Marocco e Algeria ai ferri corti

Marocco e Algeria hanno interrotto le relazioni diplomatiche. I rispettivi consolati resteranno aperti, ma aumenteranno i controlli al confine, lungo circa 1.500 km, già chiuso dal 1994. Il primo motivo di contesa è il Sahara occidentale, la regione nel sud del Marocco, in parte controllata dal Fronte Polisario, movimento nazionalista che da più di 40… Continua a leggere Marocco e Algeria ai ferri corti

I problemi di Boko Haram in Nigeria

Decine di guerriglieri malconci e relative famiglie del gruppo jihadista e terrorista Boko Haram si sono arresi e consegnati alle autorità della Nigeria. Mai vista una cosa del genere. Il conflitto ultradecennale che ha ucciso 40.000 persone e ne ha sfollate oltre due milioni, per non parlare delle migliaia di studenti rapiti per ottenere un… Continua a leggere I problemi di Boko Haram in Nigeria

Prossima tragedia: la Somalia

Ci siamo meravigliati del repentino crollo dell’occidente in Afghanistan, ma presto avremo a che fare anche con la Somalia, dove da 14 anni la Missione dell’Unione africana in Somalia (Amisom), cioè le truppe provenienti da Uganda, Burundi, Gibuti, Kenya ed Etiopia, mandate là per combattere il gruppo terrorista Al-Shabaab (affiliato ad Al Qaeda), non riescono… Continua a leggere Prossima tragedia: la Somalia

Le scuole coraniche in Sudan sono democratiche?

Il giornalista sudanese Fateh Al-Rahman Al-Hamdani ha condotto per 18 mesi un’indagine per la BBC all’interno delle scuole coraniche del Sudan, dette khalwas. Come un infiltrato ne ha visitate oltre 23, e ha documentato una quotidianità fatta di abusi sistemici nei confronti dei più piccoli da parte di insegnanti locali. Giovanissimi picchiati in maniera così… Continua a leggere Le scuole coraniche in Sudan sono democratiche?

OMS, bambini e discariche digitali

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato un allarme sullo smaltimento dei rifiuti elettronici, che vede coinvolti bambini e donne, anche incinte. È il primo report dell’OMS sull’argomento, “Bambini e discariche digitali”. Il problema sta nelle oltre 1.000 sostanze nocive utilizzate in questi prodotti, tra cui piombo, mercurio, nichel e idrocarburi. E purtroppo la situazione va… Continua a leggere OMS, bambini e discariche digitali

Un amore impossibile in Sudan

Eshan A. Abdallah e Deng A. Awen hanno poco più di vent’anni. Lei è musulmana del Sudan. Lui cristiano del Sud Sudan. Nel 2018 si sono conosciuti e innamorati. Un anno fa sono fuggiti dal Sudan perché la famiglia di Eshan era contraria alla loro unione. Però si sono sposati col rito musulmano, sperando di… Continua a leggere Un amore impossibile in Sudan

Il successo letterario della femminista Djaïli Amadou Amal

Djaïli Amadou Amal è nata nel 1975 a Maroua, nel Camerun, è di madre egiziana e padre fulani, etnia nomade dell’Africa occidentale, dedita alla pastorizia e al commercio. Data in sposa a 17 anni a un cinquantenne di buona famiglia, riesce a liberarsi nel 1998 dopo 5 anni di convivenza. Si sposa una seconda volta,… Continua a leggere Il successo letterario della femminista Djaïli Amadou Amal

image_pdfimage_print