image_pdfimage_print

Le nuove aliquote fiscali

È chiaro che con le quattro nuove aliquote Irpef guadagna di più chi già sta meglio, a prescindere dalle detrazioni, che ovviamente riguardano i redditi bassi. Ciò è considerato del tutto normale. Infatti fino a 15.000 euro si paga il 23% (risparmiando zero rispetto al 2021), mentre fino a 28.000 euro si paga il 25%… Continua a leggere Le nuove aliquote fiscali

Povertà e precarietà in Italia, anche nelle idee

Il recente rapporto del Ministero del Lavoro, riguardante la precarietà del lavoro e la povertà degli italiani, dice che non è solo una questione di salari stagnanti: pesano anche l’instabilità crescente delle carriere, il boom del part-time involontario e l’aumento dei lavoretti. La pandemia ci ha messo a terra, dopo la terribile crisi finanziaria mondiale… Continua a leggere Povertà e precarietà in Italia, anche nelle idee

Lotterie assurde da abolire

A fine dicembre Dennis Willoughby, 31enne di North Chesterfield, in Virginia, era uscito di casa per comprare del latte al cioccolato per i suoi figli. Alla cassa, prima di pagare, aveva acquistato anche un biglietto della lotteria, una specie di gratta e vinci americano, con un jackpot da un milione di dollari. Per puro caso… Continua a leggere Lotterie assurde da abolire

I poveri in Italia

Quasi 11 milioni di italiani sono a rischio povertà: 4 milioni di disoccupati e 6,7 milioni di occupati ma in situazioni instabili, precarie o economicamente deboli. Lo dice il Centro studi di Unimpresa, che ha elaborato dati dell’Istat relativi al 2021. Ci sarebbero oltre 1,6 milioni di soggetti in più rispetto a un’analoga rilevazione relativa… Continua a leggere I poveri in Italia

La fine dell’impero di Calisto Tanzi

Chi non ricorda Calisto Tanzi? Quell’imprenditore parmense della Parmalat, che la portò al fallimento nel 2003? Ebbene è morto a 83 anni. Era semplicemente diplomato in ragioneria e aveva interrotto gli studi alla morte del padre per sostituirlo a 22 anni nella direzione di una piccola azienda familiare di salumi e conserve. La fece diventare… Continua a leggere La fine dell’impero di Calisto Tanzi

La Gabanelli ha sempre ragione

Mi piace la Milena Gabanelli perché parla chiaro ed è ben documentata. Per es. ha scritto sul corriere.it a proposito della transizione ecologica e dell’impatto che questa avrà sulla nostra filiera dell’automotive: “Non ci sono solo Stellantis, Ferrari e Lamborghini, ma ben 2.200 imprese della componentistica, che forniscono tutti i più noti marchi dell’auto, dove… Continua a leggere La Gabanelli ha sempre ragione

Il Covid-19 ha fatto aumentare di molto la povertà

Salgono a 5,6 milioni gli italiani in condizioni di povertà assoluta che non possono permettersi pasti adeguati a causa del peggioramento delle condizioni economiche, aggravate dalla pandemia Covid. È quanto emerge da un’analisi della Coldiretti su dati Istat diffusa in occasione della V Giornata Mondiale dei Poveri. Fra i nuovi poveri ci sono coloro che… Continua a leggere Il Covid-19 ha fatto aumentare di molto la povertà

È possibile avere rapporti commerciali equi con l’Africa?

Dicono che la posizione italiana nei confronti dell’Africa sia passata da un’esclusiva attenzione per le questioni migratorie e securitarie, a un approccio olistico vero e proprio. Nel senso che dobbiamo sostituire la tradizionale visione dell’Africa come “continente senza speranza” con la concezione di un grande “territorio di opportunità”, soprattutto alla luce della nuova area commerciale… Continua a leggere È possibile avere rapporti commerciali equi con l’Africa?

Di nuovo il nucleare in Italia?

Di possibile ritorno al nucleare si è parlato anche in Italia, dopo una frase del ministro della Transizione Roberto Cingolani che a inizio settembre ha riaperto il dibattito sul nuovo nucleare di quarta generazione, “senza uranio arricchito e acqua pesante”. Da noi la produzione di energia nucleare, inaugurata nel 1963 con la prima centrale a… Continua a leggere Di nuovo il nucleare in Italia?

Proteste giustificate nel porto di Genova

Nel porto di Genova, il più grande d’Italia, uno dei più importanti d’Europa, transitano navi saudite cariche di armi. Ufficialmente noi, con la legge n. 185/1990 (modificata nel 2019), abbiamo revocato l’export di armi o anche solo il transito a quei Paesi che usano come risoluzione finale dei conflitti l’atto della guerra. Però all’Arabia Saudita… Continua a leggere Proteste giustificate nel porto di Genova

image_pdfimage_print
Translate »
by intopic