image_pdfimage_print

L’azienda Solvay sotto accusa

Pare che le acque di Milano siano intossicate dai Pfas della Solvay, un multinazionale belga. Lo dice il Movimento di lotta per la salute “Giulio A. Maccacaro”. Luogo d’indagine il centro di Bollate dove la Solvay ha sviluppato le ricerche sul C6O4 e altri simili Pfas. L’ha confermato l’Arpa Lombardia: sotto Milano scorrono Pfas, composti… Continua a leggere L’azienda Solvay sotto accusa

Il Copasir e l’energia come problema di sicurezza nazionale

Il Copasir, lo speciale comitato parlamentare di controllo sui servizi segreti, ha votato all’unanimità una Relazione sulla sicurezza energetica nel contesto della transizione ecologica. Come mai? È la prima volta che una questione energetica diventa un problema di sicurezza. Ci deve essere qualcosa che le istituzioni avvertono in maniera piuttosto drammatica. Che cos’è? È che… Continua a leggere Il Copasir e l’energia come problema di sicurezza nazionale

Lo scioglimento del permafrost sarà l’ultima goccia?

Si sta sempre più sciogliendo il permafrost nelle zone attorno all’Artico. Conseguenze drammatiche: a rischio tra il 30 e il 70% delle infrastrutture (case, città, strade, oleodotti e industrie sprofonderanno), danni quantificabili per decine di miliardi di dollari. Solo in Russia entro il 2050 i danni dovuti alla degradazione del terreno a causa dello scongelamento… Continua a leggere Lo scioglimento del permafrost sarà l’ultima goccia?

Governo belga abbastanza ridicolo sul nucleare

Ieri è stata data una notizia che dovrebbe rallegrarci, invece deve farci riflettere. Il governo del Belgio ha deciso che i sette reattori nucleari che si trovano nelle due centrali nucleari attive nel Paese, quelle di Doel e Tihange, saranno spenti entro il 2025. Tuttavia lo smantellamento dei reattori comincerà nel 2022 e dovrebbe concludersi… Continua a leggere Governo belga abbastanza ridicolo sul nucleare

O i rifiuti diventano una risorsa, o la natura considererà noi un rifiuto

Molto presto 4 miliardi di pannelli solari in tutto il mondo dovranno essere dismessi. Si calcola che entro il 2050 saranno prodotti rifiuti per 78 milioni di tonnellate. E quando saranno smaltiti, molti materiali che potrebbero essere riusati per costruirne di nuovi andranno sprecati. Questo perché i pannelli non sono stati pensati perché le materie… Continua a leggere O i rifiuti diventano una risorsa, o la natura considererà noi un rifiuto

Nella UE gli idrocarburi saranno sostituiti dal nucleare

La commissaria UE all’Energia, Kadri Simson, ha proposto di estendere il ciclo di vita degli impianti nucleari già esistenti in modo da mantenere l’attuale livello di produzione energetica per altri tre decenni. In pratica si vuole includere il nucleare tra le fonti “verdi” nella tassonomia della UE, il che garantirebbe al settore d’intercettare i maxi… Continua a leggere Nella UE gli idrocarburi saranno sostituiti dal nucleare

Addio alberi, è stato bello!

Secondo il rapporto Ipbes (2019) circa 1 milione di specie animali e vegetali sono minacciate da estinzione. Nell’elenco vi sono anche gli alberi, la più antica e perfetta tecnologia donata dalla natura per lo stoccaggio dell’anidride carbonica e per il controllo del clima, oltre che ovviamente per depurare le acque, prevenire l’erosione del suolo, difenderci… Continua a leggere Addio alberi, è stato bello!

La Gabanelli ha sempre ragione

Mi piace la Milena Gabanelli perché parla chiaro ed è ben documentata. Per es. ha scritto sul corriere.it a proposito della transizione ecologica e dell’impatto che questa avrà sulla nostra filiera dell’automotive: “Non ci sono solo Stellantis, Ferrari e Lamborghini, ma ben 2.200 imprese della componentistica, che forniscono tutti i più noti marchi dell’auto, dove… Continua a leggere La Gabanelli ha sempre ragione

Abbiamo cementificato tutto e ora cerchiamo delle alternative

Ogni anno nel pianeta usiamo circa 30 miliardi di tonnellate di calcestruzzo per costruire edifici, strade, ponti, dighe e altre strutture. È il materiale edilizio più diffuso e la domanda è in crescita. Per ottenerlo ci vogliono 5 miliardi di tonnellate di cemento. È il suo ingrediente più importante, composto da polvere di silicati, sabbia,… Continua a leggere Abbiamo cementificato tutto e ora cerchiamo delle alternative

Il non futuro per l’idrogeno

Al momento le auto a idrogeno vengono fatte nella Corea del Sud e in Giappone. La prima in Australia ne ha commercializzata una che si ricarica in soli 5 minuti. La Hyundai Nexo, di piccola cilindrata, percorre 900 km con un carico di 6,27 kg di idrogeno e, mentre si muove, purifica 449.100 litri di… Continua a leggere Il non futuro per l’idrogeno

image_pdfimage_print