image_pdfimage_print

Il personale di polizia deve poter essere identificato

I Paesi europei che prevedono misure di identificazione degli agenti di polizia sono i seguenti: Belgio, Bulgaria, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria. L’Italia non c’è. È da almeno 20 anni che se ne discute, dal G8 di Genova del… Continua a leggere Il personale di polizia deve poter essere identificato

Helena Dalli e l’inclusività in Europa

Sono andato a vedere su Wikipedia la biografia di quella Helena Dalli, commissaria UE all’Uguaglianza, che voleva sostituire l’augurio di “buon Natale” con quello più laico di “buone feste”. Sono rimasto impressionato: non credo che in Italia, a livello istituzionale, abbiamo mai avuto una donna del genere. La destra becera (soprattutto la nostra, ovviamente) l’ha… Continua a leggere Helena Dalli e l’inclusività in Europa

Assassinate in maniera brutale quattro attiviste afghane

La nota attivista per i diritti umani e docente di economia Frozan Safi, 29 anni, è stata uccisa in Afghanistan a colpi di arma da fuoco. Il corpo è stato ritrovato dopo oltre due settimane dalla sua scomparsa. L’hanno riconosciuta all’obitorio solo dai suoi vestiti. Aveva ferite da proiettile non solo sul volto (completamente distrutto)… Continua a leggere Assassinate in maniera brutale quattro attiviste afghane

Perché al governo turco fa tanta paura Osman Kavala?

Chi è Osman Kavala, quel 64enne, di origine greca, detenuto dal 2017 nelle carceri turche con l’accusa di aver partecipato al tentato golpe del 2016 e alle manifestazioni antigovernative del 2013 di Gezi Park, per il quale il presidente Erdoğan è intenzionato a espellere gli ambasciatori di Canada, Francia, Finlandia, Danimarca, Germania, Olanda, Nuova Zelanda,… Continua a leggere Perché al governo turco fa tanta paura Osman Kavala?

Cosa prevede il Codice Rosso?

Sulla G.U. del 25 luglio 2019 è stata pubblicata la Legge n. 69 (denominata “Codice Rosso”). È a favore delle donne. Cosa prevede? Un avvio più veloce del procedimento penale per alcuni reati: maltrattamenti in famiglia, stalking, violenza sessuale. La polizia giudiziaria, acquisita notizia di reato, riferisce immediatamente al pubblico ministero, anche in forma orale.… Continua a leggere Cosa prevede il Codice Rosso?

Il ruolo della Cina nei confronti dell’Occidente

Dicono che all’interno dello scontro planetario ormai plurisecolare tra capitalismo e comunismo, generatosi e riprodottosi senza sosta per tutto il globo a partire dall’Ottobre del 1917, fermo restando il peso specifico significativo di altri Stati socialisti (Vietnam, Cuba, ecc.) e le potenzialità latenti nella classe operaia occidentale e nei movimenti o Stati antimperialisti del sud… Continua a leggere Il ruolo della Cina nei confronti dell’Occidente

Cina e sinistra radicale

Quando la sinistra radicale sostiene che la Cina, a partire dalla fine del 1991, è diventata l’Unione Sovietica dei nostri giorni, mi fa pensare che il termine “talebano” non sia riconducibile a una persona fisica, ma sia in realtà trasversale a molte persone, anche ideologicamente contrapposte, a prescindere dall’atteggiamento che possono avere nei confronti della… Continua a leggere Cina e sinistra radicale

La prigione americana di Guantanamo va chiusa

La prigione americana di Guantanamo Bay, a Cuba, è stata inaugurata nel 2002. Vi sono detenute ancora 40 persone, 15 delle quali dall’anno della sua apertura. Da allora vi hanno transitato 780 detenuti. Barack Obama voleva chiuderla ma non c’è riuscito. Donald Trump voleva invece che restasse ben aperta. Joe Biden non ha promesso di… Continua a leggere La prigione americana di Guantanamo va chiusa

La Carta di Kurukan Fuga

Nella prima metà del 1200, il re Sundjata Keita possedeva un regno (schiavistico) tra l’attuale Guinea settentrionale e il Mali meridionale: l’Impero Mandè (di religione islamica), che si espanse fino al XV sec., lasciando il posto all’Impero Songhai. Ebbene, questo sovrano riunì un’assemblea generale a Kurukan Fuga, che redasse una specie di Costituzione, detta “Carta… Continua a leggere La Carta di Kurukan Fuga

La vergogna del Salvador sulla questione dell’aborto

El Salvador è uno dei tre Paesi dell’America Centrale e una delle 26 nazioni al mondo in cui vige il divieto assoluto di abortire dal 1998. L’aborto è fuori legge anche nei casi di stupro, incesto o pericolo di vita della donna. Persino le donne che subiscono aborti spontanei per complicanze ostetriche o che danno… Continua a leggere La vergogna del Salvador sulla questione dell’aborto

image_pdfimage_print
Translate »
by intopic