image_pdfimage_print

In Uganda petrolio contro foresta

Nel 2006, nella regione ugandese di Albertine Graben, è stata calcolata la presenza di circa 6,5 miliardi di barili di petrolio grezzo. Da quel momento hanno avuto inizio i negoziati del governo con le compagnie petrolifere che intendevano ottenere accesso alla terra per la ricerca di petrolio, per la costruzione di strade e di un… Continua a leggere In Uganda petrolio contro foresta

Le esagerazioni di un padre

Non ho capito perché Grillo ha detto: “Mettete in galera me, invece che mio figlio”. Ma questo non è stato il tentativo della magistratura di colpire politicamente lui colpendo suo figlio. Un padre che avesse ragionato in termini esclusivamente etico-giuridici avrebbe dovuto dire: “Ho fiducia nella magistratura. Se mio figlio, alla fine del terzo grado… Continua a leggere Le esagerazioni di un padre

La vergogna del Salvador sulla questione dell’aborto

El Salvador è uno dei tre Paesi dell’America Centrale e una delle 26 nazioni al mondo in cui vige il divieto assoluto di abortire dal 1998. L’aborto è fuori legge anche nei casi di stupro, incesto o pericolo di vita della donna. Persino le donne che subiscono aborti spontanei per complicanze ostetriche o che danno… Continua a leggere La vergogna del Salvador sulla questione dell’aborto

La situazione dell’aborto in Europa

È noto che le leggi contro l’aborto non impediscono alle donne d’interrompere gravidanze indesiderate o rischiose per la propria vita. Al contrario le spingono a cercare pratiche di aborto illegali e potenzialmente pericolose. Tra il 2000 e il 2017 i Paesi dell’America Latina che vietano in qualsiasi circostanza l’aborto hanno registrato una media di 151… Continua a leggere La situazione dell’aborto in Europa

La guerra per procura in Siria

Impressionante analisi di Markus Gelau su “L’Antidiplomatico” del 16 marzo relativa alle menzogne su cui si è retta la decennale guerra in Siria. Esattamente 10 anni fa, nel marzo 2011, è iniziato il progetto geopolitico delle élite occidentali – col sostegno e il finanziamento dei sauditi e dei qatarini – per eliminare il legittimo governo… Continua a leggere La guerra per procura in Siria

Il governo di al-Sisi contro le donne

Nel gennaio 2000 venne promulgata una legge in Egitto che dava la possibilità alle donne di porre fine unilateralmente al matrimonio in cambio della rinuncia ai propri diritti patrimoniali. Tempo previsto: tre mesi. La parola “unilateralmente” era un modo per aggirare una consuetudine del mondo islamico, dove si dà per scontato che la donna sia… Continua a leggere Il governo di al-Sisi contro le donne

Attiviste islamiche perseguitate

Amnesty International ha chiesto all’Arabia Saudita di rilasciare alcune attiviste attualmente in carcere, tra cui Samar Badawi, Nassima al-Sada, Nouf Abdulaziz e Mayaa al-Zahrani. Di Israa Al-Ghomgham abbiamo già parlato. Mayaa è stata arrestata il 10 giugno 2018 e condannata a cinque anni e otto mesi il 28 dicembre 2020 solo perché aveva espresso sostegno… Continua a leggere Attiviste islamiche perseguitate

Esiste la giustizia in Arabia Saudita?

Israa Al-Ghomgham, 32 anni, donna attivista saudita, è stata condannata nel febbraio 2021 dal regime di bin Salman a otto anni di reclusione. Il procuratore aveva chiesto la condanna a morte nell’agosto 2018 (anche per suo marito Moussa al-Hashem). Se la sentenza fosse stata eseguita, sarebbe stata la prima donna a subire una pena del… Continua a leggere Esiste la giustizia in Arabia Saudita?

Stop al velo che copre il volto in Svizzera

Gli elettori svizzeri e la maggioranza dei Cantoni si sono pronunciati nell’ultimo referendum a favore del divieto del velo integrale (la cosa già esisteva in due Cantoni: Ticino e San Gallo). Il Paese elvetico metterà quindi al bando in tutti i luoghi pubblici il burqa e altri veli che coprono il volto, come il niqab,… Continua a leggere Stop al velo che copre il volto in Svizzera

Le carceri femminili in Arabia Saudita

Ciò da cui fuggono le donne saudite dal loro Paese negli ultimi anni (soprattutto nel 2019) è la Dar al Reaya, un famigerato sistema di strutture di detenzione femminile in cui si può anche morire. “Casa di cura” viene chiamato, ma è una specie di lager. Secondo il Ministero per le risorse umane e lo… Continua a leggere Le carceri femminili in Arabia Saudita

image_pdfimage_print