image_pdfimage_print

Donne afghane pronte al suicidio?

16 milioni di donne sono rimaste in Afghanistan, angosciate per le restrizioni annunciate dal nuovo regime. Alcune di loro stanno iniziando seriamente a pensare al suicidio. L’ha detto Zahra Ahmadi, attivista e imprenditrice afghana. In effetti se per i talebani le donne sono solo fattrici e serve, a quelle più consapevoli dei loro diritti, della… Continua a leggere Donne afghane pronte al suicidio?

Prossima tragedia: la Somalia

Ci siamo meravigliati del repentino crollo dell’occidente in Afghanistan, ma presto avremo a che fare anche con la Somalia, dove da 14 anni la Missione dell’Unione africana in Somalia (Amisom), cioè le truppe provenienti da Uganda, Burundi, Gibuti, Kenya ed Etiopia, mandate là per combattere il gruppo terrorista Al-Shabaab (affiliato ad Al Qaeda), non riescono… Continua a leggere Prossima tragedia: la Somalia

I talebani sono un prodotto indiretto della politica americana

Nel periodo dal 2009 al 2019 sono stati uccisi almeno 35.518 civili afghani e ne sono stati feriti 66.546. Questo significa oltre 3.000 morti innocenti all’anno: è come se dal gennaio del 2009 al dicembre del 2019 in Afghanistan ci sia stato ogni anno un 11 settembre. In uno dei Paesi più poveri del mondo,… Continua a leggere I talebani sono un prodotto indiretto della politica americana

Le bugie talebane han le gambe corte

In una conferenza stampa il portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, ha detto: “Abbiamo chiesto agli americani di non incoraggiare gli afghani ad andarsene. Abbiamo bisogno delle loro competenze”. Mente. Gli stessi americani han già detto che non porteranno via se non loro stessi e i loro collaboratori più stretti. Inoltre i talebani considerano traditori tutti… Continua a leggere Le bugie talebane han le gambe corte

I talebani hanno imparato a mentire

Dopo quattro esplosioni che hanno fatto almeno 90 morti, tra cui anche diversi bambini, e oltre 158 feriti, per non parlare della morte di 13 militari americani, oltre a 15 feriti, Biden si dovrebbe dimettere e la UE dovrebbe uscire dalla NATO, perché qui si ha a che fare con un branco di incapaci e… Continua a leggere I talebani hanno imparato a mentire

Le assurde pretese integralistiche di Israele

L’Alta Corte di Giustizia d’Israele (il grado più elevato del sistema giuridico), coi suoi 11 giudici, ha convalidato la legge fondamentale approvata dalla Knesset tre anni fa, che definisce Israele come “Stato della nazione ebraica” (cioè di “proprietà ebraica”) e non di tutti i suoi cittadini, molti dei quali però (circa il 21%) sono arabi.… Continua a leggere Le assurde pretese integralistiche di Israele

Conflitto finito tra Gaza e Israele? Per ora sì

Dopo 11 giorni di guerra i palestinesi morti a Gaza sotto i bombardamenti israeliani sono stati 243, inclusi 66 bambini e 39 donne. I feriti sono 1910. Gli sfollati 60.000. Israele ha avuto 12 morti e centinaia di feriti. Le reazioni dei sionisti sono sempre sproporzionate. Il cessate il fuoco reciproco e senza condizioni è… Continua a leggere Conflitto finito tra Gaza e Israele? Per ora sì

I sionisti vogliono Gerusalemme est e tutta la Cisgiordania

Un articolo di “Eurasia” spiega bene com’è nata l’attuale guerra in Palestina. I sionisti vogliono sfrattare le famiglie palestinesi che vivono nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme Est. Al momento han cercato di farlo con 5 delle 28 famiglie che vivono lì dal 1948. Di fatto sono dei rifugiati, visto che vennero cacciati dalle… Continua a leggere I sionisti vogliono Gerusalemme est e tutta la Cisgiordania

La destra radicale in Israele

Nell’arco di sette anni vi sono state cinque elezioni della Knesset israeliana, quattro delle quali in meno di due anni. Le ultime del 23 marzo con un’affluenza del 67%, la più bassa dal 2009. Sono 13 i partiti a dividersi i 120 seggi. Il Likud ha ottenuto 52 seggi, ma doveva arrivare a 61 per… Continua a leggere La destra radicale in Israele

Macron e il separatismo islamico

L’Assemblea nazionale, cioè la Camera bassa del Parlamento francese, ha approvato a larga maggioranza il disegno di legge, composto da circa 50 articoli, sul “separatismo religioso”, che prevede un maggiore controllo da parte dello Stato sulle organizzazioni religiose e i luoghi di culto che diffondono “teorie o idee” che “provocano odio o violenza”. Nel testo… Continua a leggere Macron e il separatismo islamico

image_pdfimage_print