image_pdfimage_print

L’isola di Barbados si è liberata della regina Elisabetta

L’isola di Barbados è diventata alla fine di novembre una repubblica, rimuovendo la regina Elisabetta britannica come capo di Stato. Sandra Mason, che ha vinto le elezioni il mese scorso, è stata nominata primo presidente della nazione. Quindi si è passati da una monarchia parlamentare (dal 1966, quando il Paese divenne indipendente dal Regno Unito),… Continua a leggere L’isola di Barbados si è liberata della regina Elisabetta

L’importanza delle statistiche riguardo alla ricchezza mondiale

È da un po’ che mi metto a guardare i dati e le statistiche del canale brasiliano CityGlobeTour su Youtube. Ce ne sono alcune di curiose, che meriterebbero d’essere commentate. Per es. i Paesi più indebitati al mondo non sono i più poveri ma i più ricchi (o quasi). Nell’elenco delle cicale vi sono USA,… Continua a leggere L’importanza delle statistiche riguardo alla ricchezza mondiale

L’Africa alla deriva

Son capitato casualmente sul sito vaticannews.va, sempre alla ricerca di notizie interessanti, e ho trovato un’intervista del 25 maggio scorso, concessa dal comboniano Giulio Albanese, editorialista dell’“Osservatore Romano”, esperto africanista, che merita d’essere riassunta. Anzitutto ha detto che il passaggio dall’Organizzazione dell’Unità Africana, nata nel 1963, all’Unione Africana, nata nel 2009, ha comportato il totale… Continua a leggere L’Africa alla deriva

La principale lezione dall’Afghanistan

La principale lezione che ci ha impartito l’Afghanistan è forse la seguente. Il loro islam politico e il nostro liberismo economico sono due facce della stessa medaglia: l’intolleranza. La differenza è che l’attuale liberismo è frutto di una rivoluzione della mentalità iniziata mille anni fa nei Comuni italiani, mentre l’islam politico, nato dopo la fine… Continua a leggere La principale lezione dall’Afghanistan

Nauru, destino ingrato per una piccola isola del Pacifico

La Repubblica presidenziale di Nauru, un’isoletta del Pacifico (Micronesia), è l’unico Stato al mondo a non avere una capitale. In compenso nella bandiera reca la scritta, molto impegnativa (ma anche molto ironica), “God’s Will First”, cioè “Prima il volere di Dio”. Ha una popolazione di circa 10-11.000 ab. su un territorio di 21 kmq. Prima… Continua a leggere Nauru, destino ingrato per una piccola isola del Pacifico

Il cacao non arricchisce chi lo produce

Il cacao della Costa d’avorio, nell’Africa occidentale, rappresenta il 45% della produzione mondiale di questa materia prima. Le sue esportazioni fruttano al Paese 3,5 miliardi di dollari all’anno. Ma gli agricoltori guadagnano solo 0,78 dollari al giorno, 1/3 in meno di quanto l’organizzazione Fairtrade International ritiene sia un salario minimo di sussistenza: 2,51 dollari al… Continua a leggere Il cacao non arricchisce chi lo produce

Che cos’è l’Africa?

Per una corretta informazione sull’Africa consulta il sito amref.it. L’Africa non è un Paese ma un continente con 54 Stati e 1,1 miliardi di abitanti. Bisogna contestualizzare il più possibile le informazioni quando si parla di Africa. Il valore monetario delle sue ricchezze minerarie è di 46.200 miliardi di dollari. A rivelarlo nel 2011 in… Continua a leggere Che cos’è l’Africa?

La carità pelosa dei tedeschi

La Germania riconosce le atrocità commesse, in quanto Paese colonialista, razzista e xenofobo, tra il 1904 e il 1908, contro le popolazioni tribali degli Herero (circa 65.000 uccisi su 85.000) e dei Nama (circa 10.000 uccisi su 20.000) in quella che è oggi la Namibia. Fu il primo genocidio del XX sec. Il governo ha… Continua a leggere La carità pelosa dei tedeschi

La sinistra radicale e la Cina

Secondo Daniele Burgio, Massimo Leoni e Roberto Sidoli la Cina sostituirà gli USA nella guida del capitalismo mondiale. Ha già acquisito il primato economico in termini di PIL a parità di potere d’acquisto. Ora sta raggiungendo gli USA anche in campo tecnoscientifico e finanziario. È una supremazia non-bellica di portata mondiale, paragonabile a quella che… Continua a leggere La sinistra radicale e la Cina

Povera Africa ricca

Josefa Sacko – Commissario all’Economia e all’Agricoltura dell’Unione Africana – ha detto che lo sviluppo dell’Africa passa attraverso l’agricoltura moderna, il rafforzamento della blue economy e il contenimento del cambiamento climatico. E ha aggiunto che è assurdo che il continente spenda ogni anno 45 miliardi di dollari per comprare alimenti da altri Paesi, quando possiede… Continua a leggere Povera Africa ricca

image_pdfimage_print