image_pdfimage_print

Altra tragedia per i curdi: la diga turca di Ilisu

La Turchia ha completato la costruzione della diga di Ilisu sul fiume Tigri, nel cuore del Kurdistan turco, che allagherà più di 313 kmq. Sarà la seconda più grande del Paese in termini di capacità d’acqua e la quarta per produzione di energia elettrica. È prevista la scomparsa di almeno 300 siti storici e archeologici,… Continua a leggere Altra tragedia per i curdi: la diga turca di Ilisu

Facebook e i regimi totalitari

Uno pensa che ciò che scrive su Facebook o su Twitter, mettendolo a disposizione di tutti, siano solo delle parole. Certo, a volte sono parole impegnative, che al massimo possono servire per organizzare una petizione, un sondaggio o persino una manifestazione da qualche parte. Ma tu prova a scriverle vivendo in un Paese dittatoriale, poi… Continua a leggere Facebook e i regimi totalitari

Le ville di Erdoğan

Il megalomane Erdoğan, dittatore turco, s’è fatto costruire una villa di 300 stanze su un’area di 85mila mq nella baia di Okluk Cove, nel distretto di Marmaris, sulla costa egea meridionale della Turchia, una delle più esclusive del Paese. Tanto che quando c’è lui l’accesso alla baia è vietato ai pescherecci. E la sorveglianza aumenta… Continua a leggere Le ville di Erdoğan

Le ville di Erdoğan

Il megalomane Erdoğan, dittatore turco, s’è fatto costruire una villa di 300 stanze su un’area di 85mila mq nella baia di Okluk Cove, nel distretto di Marmaris, sulla costa egea meridionale della Turchia, una delle più esclusive del Paese. Tanto che quando c’è lui l’accesso alla baia è vietato ai pescherecci. E la sorveglianza aumenta… Continua a leggere Le ville di Erdoğan

Cipro destinata a restare divisa?

Tre giorni di colloqui informali a Ginevra (27-29 aprile) coi leader delle amministrazioni cipriote separate, non sono riusciti a delineare una svolta che potesse aprire la strada alla risoluzione della controversia sullo status dell’isola. Ai colloqui hanno partecipato, oltre alle Nazioni Unite, Ersin Tatar, presidente dell’autoproclamata Repubblica turca di Cipro del Nord, Nicos Anastasiades, presidente… Continua a leggere Cipro destinata a restare divisa?

La democrazia mai esistita in Turchia

Erdoğan, in calo nei consensi e alle prese con una crisi economica senza precedenti, silura il governatore della Banca centrale: è il terzo in meno di due anni. Allo stesso tempo, per conquistare i voti dei conservatori, fa uscire la Turchia dalla Convenzione di Istanbul sui diritti delle donne, col pretesto ch’essa sarebbe contraria alle… Continua a leggere La democrazia mai esistita in Turchia

Son tanti i femminicidi in Turchia

Il governo della Turchia ha annunciato che si ritirerà dalla Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, un accordo internazionale promosso dal Consiglio d’Europa nel 2011 ed entrato in vigore nel 2014 per prevenire e combattere la violenza contro le donne, lo… Continua a leggere Son tanti i femminicidi in Turchia

La dittatura in Turchia diventa anche culturale

La Bosporus University (BOUN) è uno dei primi tre istituti di istruzione superiore della statunitense “Ivy League” in Turchia. Prevede corsi di laurea triennali. L’inglese è lingua ufficiale d’insegnamento. La BOUN è stata la prima università americana fondata (nel 1863) al di fuori degli Stati Uniti dal ricco filantropo Christopher Robert e dal missionario Cyrus… Continua a leggere La dittatura in Turchia diventa anche culturale

Il bluff della democrazia turca

I turchi hanno cercato la loro anima occidentale sin dal 1876, quando, sotto la pressione del mondo moderno, l’Impero Ottomano introdusse la sua prima Costituzione (influenzata da quella armena), un documento che sarebbe stato in vigore solo per due anni, senza intaccare minimamente i poteri del sultano, che poteva scegliere i ministri, approvare le leggi… Continua a leggere Il bluff della democrazia turca

La corruzione in Turchia

In Germania, Svizzera e Grecia hanno scoperto che il premier Erdoğan si serve di propri diplomatici per raccogliere illegalmente informazioni su persone affiliate al movimento Gülen, che è molto critico nei confronti del governo turco su una serie di delicate questioni: dalla corruzione economica dilagante al favoreggiamento nei confronti di gruppi jihadisti armati. Il suddetto… Continua a leggere La corruzione in Turchia

image_pdfimage_print